“Le funivie hanno un fascino tutto speciale”

Christian Obexer, project engineer, parla del proprio lavoro con le funivie

Un sogno diventato realtà

Fin da piccolo Christian Obexer si divertiva con le funivie: costruiva funivie in miniatura e sognava di poterne realizzare una vera, una volta diventato grande. E il suo sogno di bambino è divenuto realtà. Sul volto di Christian si legge tutto l’entusiasmo che ha per il suo lavoro. La scelta di lavorare in questo settore è stata dettata anche dal desiderio di operare in un ambiente che offrisse stimoli sempre diversi, e l'attività di project engineering è perfetta per questo: non richiede infatti solo capacità tecniche, ma anche spiccata attitudine al problem solving. Il quinto e ultimo episodio della serie “We move ...” è dedicato a Christian Obexer, che racconta cosa lo appassiona delle funivie e perché il suo è il lavoro perfetto per lui. Il video è stato girato mentre Christian era impegnato nella messa in funzione della cabinovia “Jennerbahn” nel comprensorio sciistico Jenner-Königssee, in Germania.

 

Citazione

Foto ritratto Christian Obexer

"Per chi è appassionato di tecnologia, una funivia è qualcosa di davvero speciale: è una macchina che percorre solo pochi chilometri, ma racchiude un incredibile concentrato di conoscenze meccaniche, elettrotecniche, di ingegneria civile; impossibile quindi non appassionarsene."

- Christian Obexer, 40 anni, project engineer presso LEITNER ropeways

Il giusto mix tra lavoro di ufficio e sul campo

Christian Obexer con tablet

Christian Obexer lavora da dieci anni presso la sede di LEITNER ropeways a Vipiteno. Assunto nel 2009, subito dopo la laurea in ingegneria civile, si è occupato all’inizio di calcoli strutturali per poi passare, nel 2013, al project engineering, seguendo la realizzazione di impianti in diversi Paesi: in qualità di progettista si occupa di tutte le fasi del lavoro, dalla progettazione tecnica vera e propria alla costruzione, fino alla messa in servizio e al collaudo dell’impianto. Per Christian il lavoro non è mai noioso perché per il suo ruolo deve svolgere funzioni diverse: non solo tecniche o di rappresentanza, ma anche referente per il cliente, coordinatore, organizzatore, oltre ovviamente alla capacità di gestire i conflitti e le crisi che possono insorgere, anche a livello di staff. “Lavoro in condizioni sempre diverse, e questo richiede grande flessibilità: spesso bisogna essere diplomatici ed empatici per comunicare in modo costruttivo e far dialogare le varie parti coinvolte nel progetto, cioè clienti, enti ed autorità competenti, e ovviamente noi e il nostro staff. Trovo entusiasmante lavorare in questo settore: quello delle funivie è un mercato in continuo sviluppo, soprattutto per quanto riguarda l’utilizzo degli impianti nelle aree urbane; si tratta di una tendenza lenta ma in costante crescita, di un nuovo modo di fare mobilità.”

Quando un progetto giunge finalmente a termine per Christian è una enorme soddisfazione, e non ha dubbi: per un ingegnere in Alto Adige lavorare con le funivie è uno dei modi più interessanti per girare il mondo.

Condividi